MALPH SUMMER 2016: SUPERSTITION

banner

Il termine Superstizione deriva dal latino Superstitiònem, “Sùper” sopra, e “Stìtio” stare, e indica un insieme di pratiche rituali e di credenze derivanti da ignoranza e da convinzioni ormai superate.
Spesso gli oggetti vengono percepiti come degli strumenti capaci di svolgere una sorta di funzione intermediatrice fra il mondo sensibile e la dimensione che va oltre ciò che siamo in grado di percepire con i sensi.

Questi oggetti Malph li raggruppa in due insiemi: il NOIR ed il BLANGE’.
Il primo è caratterizzato da quegli elementi che notoriamente portano sfortuna.
Il designer Luca Gregorio reinterpreta in modo ironico e sarcastico tutta la simbologia dei Noir cercando di sdrammatizzare e di creare una distanza quasi surreale nei confronti dell’elemento scelto.
La SCALA – che se aperta forma un triangolo ed è simbolo della Trinità per cui passarci sotto è una violazione e mancanza di rispetto – è elaborata con i colori molto accesi del cyano, magenta, verde, viola utilizzando la tecnica di stampa “a rilievo” e graficamente a rombi tipici dei pullover.
Gli SPECCHI ROTTI – che anticamente venivano fatti con un fine ma costoso strato d’oro nell’antica Roma si diceva portassero sfortuna a causa della perdita economica legata alla loro rottura (ci volevano sette anni per poterlo riacquistare) – sono elaborati graficamente e stampati utilizzando una pellicola metallizzata applicata a caldo e si ispirano alla textures animalier della giraffa.
Scala e specchi rotti saranno inoltre i protagonisti degli stands delle fiere internazionali della collezione.
Le CORNA – che hanno un antico significato rurale in quanto sono un omaggio agli dei che proteggono l’agricoltura – sono sviluppate prendendo spunto dalla famosa texture Pie de Poul, sapore vintage ed illustrato; anche l’etichetta tessuta esterna è a forma di corna.
L’albero di NOCE – che è considerato malefico in quanto anticamente all’ombra della pianta si facevano messe nere e ogni qualvolta si tagliasse la pianta il giorno seguente ricompariva magicamente – è ricamato come se fosse una pianta riflessa in acqua e ruotata creando un effetto anatomico incredibilmente vintage.
La BARA che è collegata alla morte e quindi porta male è stampata allover con colori accesissimi e usa come protagonista uno scheletro illustrato che buffamente cerca di uscire da essa.

Il gruppo dei Blangè è formato da tutte quelle icone che portano bene, o che in qualche maniera, secondo le credenze popolari, sono in grado di scacciare la mala sorte.
Le FORBICI – che anticamente si pensava portassero bene se appese al muro poiché in grado di tagliare i fili della cattiva sorte – sono stampate e ricamate ispirandosi alle forbici da sarta dei anni 60 somiglianti ad uccelli acquatici che tentano di tagliare i fili delle altalene su cui appoggiano un uomo ed una donna.
Sono numerosi i simbolismi del gruppo Blangè che utilizzano il fit rotondeggiante da donna che Malph da stagioni utilizza con successo.
L’OCCHIO – dal significato divino in quanto l’organo di senso più importante già nell’antichità associato all’occhio di Dio che vede e protegge, la LUNA – che con la sua colorazione argentea coincide con le qualità del metallo argento, cioè purifica e dona energia bianca,
il SOLE – considerato la forza cosmica e associato all’intelletto e alla mente sana – è stampato in tutta la sua forma circolare utilizzando come raggi i tipici cornetti Partenopei scaccia-sfortuna color rosso intenso.

MALPH SUMMER 2016 | BALLOONS

E poi l’elemento più riconoscibile delle collezioni estive di Malph: il palloncino.
Prima su tutti la versione più basica con il palloncino rosso sul cuore ed un vero filo che porta al cielo stampato all’interno della maglia.
A seguire le interpretazioni differenti come PSYCO, il palloncino abbozzato da un pazzo. MUSTACHE, l’uomo più forzuto del modo che con i suoi enormi baffi solleva due palloncini peso da body-builder. CONTURBANTE il palloncino veggente, e MASQUERADE il palloncino che è una maschera teatrale. Il più irrispettoso è ONE FINGER, il palloncino illustrato che nasce dal dito medio della mano. La PIOGGIA di palloncini sulla canotta da donna ha un effetto grafico anche grazie all’ombrello ricamato in nylon sul cuore che ripara dalle gocce.

0 replies

Leave a Reply

Want to join the discussion?
Feel free to contribute!

Leave a Reply